CONCORSO – INGIUSTA ESCLUSIONE DEGLI INGEGNERI IUNIORES – Agenzia Interregionale per il Fiume Po – Parma.

Facendo seguito alla segnalazione di inadempienze da parte dell’ Agenzia Interregionale per il Fiume Po – Parma in merito ad un concorso per n. 1 dirigente iunior riportiamo il testo integrale di chiarimenti inviato al responsabile  “Settore Amministrazione Finanza e Controllo Risorse Umane“.

<<Preg.ta dott.ssa L. L.,

facciamo seguito slla Sua in risposta ad una mail di segnalazione di anomalie sul bando da voi pubblicato all’insirizzo web: www.concorsipubblici.com/bandocompleto-31042-agenzia-interregionale-per-il-fiume-po-parma.htm .

Nell’interesse dei professionisti iscritti alle Sezioni B degli Albi degli Ingegneri e degli Architetti Pianifdicatori, Paesaggisti e Conservatori,  in possesso di laurea di durata triennale o ad esse equipollenti, siamo a richiederLe dei chiarimenti:

1) il concorso è interno e riservato solo a dipendenti della Vs. amministrazione o di società in genere ed i liberi professionisti sono sempre esclusi?

2) se il bando è per n. 1 dirigente junior come mai richiedete qualifiche per mansioni superiori?

3) i titoli accademici richiesti [laurea magistrale in ingegneria civile (classe LM23); laurea magistrale in ingegneria per l’ambiente e il territorio (classe LM35); laurea specialistica in ingegneria civile (classe 28/S); laurea specialistica in ingegneria per l’ambiente e il territorio (classe 38/S)]  come mai escludono la laurea magistale in architettira ed ingengeria edile (classe LM4) abilitante sia per sostenere l’esame di stato (da voi richiesto) per la professione di ingngnere civile e ambientale (senior) che per quella di architeto (senior)?

4) l’abilitazione per la profesione di ingegnere a quale settore si riferisce? dopo la publicazione del DPR 328/01 i settori dell’ingegneria sono 3: ingegneria civile e ambientale, ingegneria dell’industria e ingegneria dell’informazione;

5) ai fini della trasparenza quali sono le “….attività riconducibili ai settori connessi alle funzioni istituzionali di Aipo….” .richieste?

6) nelle attività  che dovrebbe svolgere il dirigente junior vi sono attvità che possono essere ricondotte a l’uso di medodologie innovative, avanzate o spermentali tali da far escludere la competenza dei laureati/abilitati triennali iscritti alle sezioni B dell’albo degli ingengeri? se si tale dirigente minore non lavorerebbe sempre in collamborazione con Dirigenti “magistrali” tali da far rientrare tale mansione anche nell’alveo dei titolati con laurea c.d. breve?

E ovvio che, tralascinado inutile polemiche, ci interessa comprendere se vi sia una discriminazione a priori dei professionisti iuniores o solo le reali esigenze organizzative del Vs. istituto.

In attesa di un cortese riscontro, porgiamo Distinti Saluti.

Il presidente del SIND.IN.AR.3

Architetto iunior Antonino Arancio>>

Lascia un commento