Competenze Geometri Regione Siciliana – Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati interviene in Sicilia. Geometri legitimati a presentare le pratiche al genio civile nei limiti delle loro competenze.

Il 18 settembre 2012 con la nota 82824 la Regione Siciliana, in particolare l’ “Assessorato delle Infrastrutturee della Mobilità, Dipartimento delle Infrastrutture della Mobilità e dei Trasporti”, ha emanato una Circolare ad ogetto: “Progettazione e direzione lavori di mopdeste costruzioni civili con strutture in cemento armato. Competenze professionali Geometri liberi professionisticon la quale intima agli uffici periferici di permettere le attività professionali dei geometri quando ricomprese nelle loro competenze. Nello specifico valutare ogni singolo progetto al fine di verificarne la congruita con le disposizioni di legge.

Il Dipartimento fa seguito ad una prima denuncia ad opera delle rappresentanze professionali dei Geometri liberi professionisti (Consiglio Nazionale Geometri e Geometri laureati. Comitato Regionale Geometri e Geometri laureati della Sicilia) avverso  “l’Ufficio del Genio Civile di Catania, alla Soprintendenza ai BB.CC.AA. di Catania ai Dirigenti degli Ufhci Tecnici dei Comuni della Provincia di Catania, ……., con la quale i Dirigenti degli Enti in indirizzo sono stati diffidati ad operare secondo le norme vigenti, ad evitare di ledere l’immagine e gli interessi della categoria dei Geometri e Geometri Laureati e dei loro Committentied in copia al Dipartimento in parola.

Successivamente il Consiglio Nazionale Geometri e Geometri laureati ed il Comitato Regionale Geometri e Geometri laureati della Sicilia trasmettono una nuova nota la n. 4155 del 17/04/2012 con la quale  “hanno denunziato il comportamento di alcuni Uffici delle Amministrazioni Regionali e Locali, che non ritengono legittima la competenza del geometra libero professionista per la progettazionee direzione dei lavori di modeste costruzioni civili con strutture in cemento armato, tanto da non accettare la presentazione di atti e documenti ai rispettivi protocolli di ricezione“.

Dopo un’attenta disamina della normativa, inerente le attivitrà professionali dei Geometri, ed in particolare l’abrogazione del R.D. 2229 del 1939, che riservava ad architetti ed ingengeri la progettazione di opere in cemento armato per motivi di pubblica incolumità, decreto spesso cardine e fondamento della giurisprudenza penale, civile e amministrativa, il Dipartimento “ritiene preliminarmente che, in ragione della sopracitata abrogazione di legge, non possa essere negata, in generale, ai geometri liberi professionisti la competenza in materia di ptogettazione e direzione dei lavori di opere in cemento armato ma che essa debba essere valutata singolarmente, ed in relazione all’opera che deve essere progettata e conseguentemente diretta ed eseguita [è evidente l’importanza, sfruttata egregiamente dai geometri, del principo sancito con la sentenza del C.d.S. sulle competenze dei iuniores].

La somiglianza/similitudine con le problematiche che stanno investendo i professioninisti iuniores della Sicilia è lapalissiana, in particolare la mancata accettazione da parte degli uffici preposti  dei documenti presentati al protocollo.

Quello che ci chiediamo è: dove SONO il CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI e il CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI?

Hanno scritto detti Consigli Nazionali delle diffide ai vari uffici locali (come fatto da quello dei Geometri e Geometri laureati) per diffidarli ad accettare le pratiche dei professionisti iunuires?

Hanno scritto all’Assessorato delle Infrastrutturee della Mobilità, Dipartimento delle Infrastrutture della Mobilità e dei Trasporti al fine di avviare una tavola rotonda per far riprendere l’accettazione, presso i protocolli dei vari uffici preposti, delle pratiche a firma di architetti ed ingegneri iuniores e procedere successivamente, caso per caso, alla valutazione di quanto presentato?

Queste sono risposte che attendiamo almeno dai due Consiglieri Nazionali iunior: l’architetto Lisa Borinato e l’ ingegnere iunior Ania Lopez

Quello di cui siamo certi è che IN CALABRIA nessuno dei due Consigli Nazionali citati ha sino ad oggi mosso un solo dito in sostegno dei profesionisti iuniores RAPPRESENTATI. …… questo vuol dire qualcosa? ……. che sia la stessa cosa in Sicilia?

Ciò che sicuramente sappiamo è che oggi  nella Regione Siciliana, per quanto ne sappiamo, sta operando  egregiamente la Consulta dei Consiglieri iunior degli Ordini degli Architetti P.P.C. della Sicilia, in particolare il Presidente, l’arch. iunior Salvatore Borzì di Catania, il quale lavora a strretto contatto con il proprio Consigliere Nazionale.

Pregiato Presidente Borzì, attendiamo a breve notizie dell’operato della Consulta da te rappresentata, la circolare dei geometri dovrebbe avervi aperto la strada e non dovreste più incontrare difficoltà. Seppure disponi di canali istituzionali, se hai notizie positive non esitare a trasmetterle, provvederemo a pubblicarle a nome della Consulta da te rappresentata.

In conclusione, non possiamo non complimentarci con il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati come con  il Comitato Regionale dei Geometri, i quali hanno saputo fare sinergia, forti di una propria identità, i quali al posto di vantare titoli e studi fanno fatti a sostegno della propria categoria.

CONSIGLI NAZIONALI ……….. BATTETE UN COLPO SE CI SIETE ………. naturalmente non sulla nostra testa ……… se potete.

A.A.

SICILIA – Circolare Geometri
*******************************************
ARTICOLI PRECEDENTI

Una risposta a “Competenze Geometri Regione Siciliana – Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati interviene in Sicilia. Geometri legitimati a presentare le pratiche al genio civile nei limiti delle loro competenze.”

  1. Gentile Presidente ciò che avete scritto oggi è da mesi che io denuncio presso questo sito, i consiglieri regionali non fanno assolutamente nulla, ne tantomeno si può lasciare di interpretare caso per caso i progetti infatti i funzionari sono Ingegneri sez A o Architetti sez A. Vi è un conflitto d’intersessi non indifferente, troveranno sempre una scusa per negare la competenza di un ingegnere triennale. Ci vuole una legge presidente non possiamo rimanere in queste condizioni significa non sapere cosa possiamo e cosa non possiamo, francamente che le competenze le sancisca un impiegato del genio civile non è rassicurante e non è di un paese sovrano in cui valgono le leggi e non le interpretazioni. Se volete una qualsiasi circolare da parte della regione Siciliana non sperate nell’operato dei consigli provinciali ma solamente un sindacato o un organo terzo può sollecitare gli organi competenti!
    Grazie

Lascia un commento